Di bandiere colorate e negozi hipster – Day 2

SAM_3041

La mattina del mio secondo giorno, dopo essermi svegliato alle 5 per colpa del Jet lag con conseguente passeggiatina mattutina in solitudine (cosa che essenzialmente adoro), siamo andati al Potrero del sol Park, luogo di ritrovo per skater e per la comunità ispanica della città. Non mi era mai capitato di poter fotografare dei ragazzi che skatano (sempre che questo verbo esista) e devo ammettere che è stata una grande sorpresa, soprattutto perché loro si lasciavano avvicinare e fotografare tranquillamente e sembravano anzi divertiti. Ok, ho rischiato un paio di volte i denti, ma amen. Siamo poi finiti a Castro street, la strada attorno alla quale si snoda il quartiere gay della città. E diciamo che l’ho adorato, per i colori, l’atmosfera, e soprattutto per il fatto che, per quanto immaginassi potesse rappresentare una sorta di ghettizzazione, era in realtà completamente l’opposto. La palese dimostrazione di quanto si possa e si debba essere orgogliosi di essere omosessuali. La meta successiva è stata un altro importante luogo di storia contemporanea e di emancipazione, ovvero le due strade di Haight e Asbhury, che sono state la culla del movimento hippie nel finire degli anni ’60. Credo di non aver mai visto, neppure in foto, un posto più hipster di questo (e diciamocelo, quindi da amare). I piccoli negozietti che vendevano vestiti di tutti i tipi, il supermercato biologico, la boutique che vendeva vestiti da Pin-up, il negozietto con giocattoli vintage di Star Wars… Ok, meglio passare avanti, decisamente.

Il mio piccolo diario di viaggio fotografico continua con la spiaggia oceanica. L’acqua dell’oceano, anche se in piena estate, è maledettamente, ma maledettamente fredda. E lo so per certo perché ho avuto la felicissima idea di immergermi i piedi (non che non lo rifarei, ovvio). I colori freddi del cielo e la nebbia, caratteristica di San Francisco, lo hanno reso un posto essenzialmente magico. E poi la gente di mare ama ritrovare l’acqua nei posti dove va.

Infine siamo andati a Fort Funstan a vedere i folli (è tutta invidia) lanciarsi con il deltaplano dalla scogliera, ma credo di esser stato troppo impegnato a desiderare di lanciarmi anche io per riuscire a scattare qualche foto decente. Decisamente una cosa da fare “da grande”.

SAM_2928 SAM_2938 SAM_2940 SAM_2958 SAM_2965 SAM_2978 SAM_2989 SAM_3004 SAM_3032 SAM_3041 SAM_3058 SAM_3099 SAM_3123 SAM_3124 SAM_3137 SAM_3141 SAM_3149 SAM_3151 SAM_3161 SAM_3164 SAM_3173 SAM_3178 SAM_3187 SAM_3198 SAM_3202 SAM_3204 SAM_3206 SAM_3207 SAM_3209 SAM_3221 SAM_3224 SAM_3227 SAM_3233 SAM_3239 SAM_3258 SAM_3267 SAM_3280 SAM_3292 SAM_3303 SAM_3324 SAM_3352 SAM_3359 SAM_3393

One thought on “Di bandiere colorate e negozi hipster – Day 2

Rispondi